ASd Bridge Bologna

Archivio articoli

Il bimbo prodigio del Bologna

Fulminea come un rigore, sofferta come una finale. Così è stata la vita di Cesare Alberti, attaccante del Bologna degli anni Venti, uno dei "ragazzi terribili" di Angiolino Badini. La serie A a sedici anni, la convocazione in Nazionale, il titolo di più forte centravanti del campionato italiano. La famiglia e gli amici, i lutti e gli amori. Un'ascesa che nemmeno la lesione al menisco - all'epoca fatale per un calciatore - arresta. L'operazione pionieristica e il "secondo tempo" di Cesare che, più forte e tenace di prima, riprende sempre in rossoblu, anche se la maglia è quella del Genoa. Cesare Alberti a 22 anni aveva tutto e chissà quanti tempi avrebbe ancora giocato. Ma la sua partita si interrompe a Genova la sera del 14 marzo 1926, quando il giovane campione muore in circostanze misteriose.

 

Giovedì 6 Giugno alle 20.00  presentazione del libro "Il bimbo prodigio del Bologna". La storia di Cesare Alberti, asso rossoblu degli anni Venti.

 

 

IlBimboProdigioDelBologna

 

GM Medica Ambulatori Odontoiatrici
FULLOFFICE s.r.l.
Vergnana equipment

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla sezione "Cookie Policy"